E’ appena stato pubblicato il vol. 11, no. 2 (2020) di JLIS.it.

Indice del fascicolo:

Editorial

JLIS.it Editorial Board. Alle lettrici e ai lettori di JLIS.it

Essays

Alessandra Moi. When linked data is (not) enough. Cataloguing tools between obsolescence and innovation

Margherita Bartoli, Fabiana Guernaccini, Giovanni Michetti. La conservazione dei Linked Open Data

Chiara Veninata. Dentro i significati. L’utilità di un registro di ontologie nel settore dei beni culturali

Michela Grossi. Indicizzazione semantica di risorse musicali. L’applicabilità del Nuovo soggettario e il suo arricchimento con terminologia specialistica

Giovanni Bergamin. Nota introduttiva al documento “Il sistema di collegamenti bibliografici nell’archivio della cooperazione di T. Giordano, con la collaborazione di S. Peruginelli”

Federico Meschini. Letteratura, libro, calcolatore e racconto. Forme e modelli dell’Electronic Literature

Giliola Barbero, Luigi Tessarolo, Angela Nuovo, Francesco Ammannati, Francesca De Battisti, Renaud Milazzo, Andrea Ottone, Goran Proot, Erika Squassina. The Database of the EMoBookTrade Project. A Proposal to Encode Early Modern Book Prices and Privileges

Francesco Giuseppe Meliti. La libertà intellettuale come valore fondamentale per le collezioni. Una prospettiva internazionale

Annarita Liburdi. Da un epistolario a una rete di riferimenti

Solidarietà digitale per le scienze umane

Libro Lettura Letteratura - Foto gratis su Pixabay

A seguito dell’emergenza sanitaria in corso, alcuni dei più importanti editori scientifici hanno messo a disposizione dell’Università di Firenze, in via gratuita e temporanea, migliaia di ebook, riviste elettroniche, libri antichi, banche dati e video. Si tratta di rilevanti collezioni, destinate a breve a non essere più accessibili perché non incluse nei regolari abbonamenti del nostro Ateneo.

La lista completa e in continuo aggiornamento è consultabile alla pagina “Solidarietà digitale per le Università”.

Qui di seguito vi proponiamo una selezione (non esaustiva) delle collezioni di maggiore interesse per gli studi umanistici:

Proquest offre accesso fino al 30 giugno a un pacchetto di banche dati, fra cui:

  • Early European Books: comprende digitalizzazioni di libri antichi tratti dalle principali biblioteche internazionali, ripercorrendo la storia della stampa in Europa dalle origini al 1700
  • Philosophy Collection: database che riunisce l’autorevole Philosopher’s Index con riviste full-text e tesi di laurea in Filosofia in un unico ambiente di ricerca. Insieme offrono l’accesso a oltre 165 riviste full-text e oltre 1000 tesi di laurea dal 1860 ad oggi.
  • ProQuest One Literature: riunisce una vasta raccolta di fonti (migliaia di riviste, monografie, tesi di laurea e altre fonti come spettacoli teatrali e letture di autori) con una selezione di risorse multimediali e multiformato aggiuntive.

Project Muse rende disponibili in accesso libero fino al 30 giugno circa 18.000 e-book riconoscibili dal bottone verde “free”.

Bloomsbury Digital Resources mette a disposizione tutti i suoi ebook, riviste, testi critici, archivi storici, risorse video e audio fino alla fine di maggio.

JSTOR ha esteso l’accesso gratuito a tutte le proprie collezioni fino al 30 giugno, rendendo disponibili più di 30.000 libri.

De Gruyter offre accesso fino al 30 giugno a circa 75.000 ebooks DRM-free pubblicati fra il 1650 e il 2016 da alcuni fra i principali editori internazionali.

SAGE Knowledge fino al 2 luglio apre le proprie collezioni di video, eBooks, opere di reference, enciclopedie, rilevanti soprattutto per scienze dell’educazione, psicologia, comunicazione e media.

Fino alla fine di maggio sono state attivate inoltre alcune fra le principali risorse di ambito musicale:

  • MGG Online – Die Musik in Geschichte und Gegenwart: enciclopedia generale che offre articoli approfonditi su ogni aspetto della musica e molte aree correlate come la letteratura, la filosofia e le arti visive.
  • RILM Music Encyclopedias: raccolta full-text di enciclopedie musicali. Comprende attualmente 57 titoli pubblicati dal 1775 ad oggi che abbracciano vari campi e aree tematiche:  musicologia storica, etnomusicologia,  teoria della musica,  musica popolare, lirica, ecc.
  • RIPM Retrospective Index to Music Periodicals with Full Text (EBSCO): la banca dati indicizza e fornisce accesso al full-text della letteratura periodica in ambito musicale del XVIII, XIX e XX secolo.
  • RIPM Preservation Series: European and North American Music Periodicals: collezione  costituita da 100 rari periodici musicali full-text.
  • RIPM Jazz Periodicals: raccolta full-text di 105 periodici americani fuori stampa dedicati alla storia del Jazz. Fino al 31 maggio

Attivo fino al 31 luglio un trial ad un pacchetto di risorse che contiene i database, gli ebook e gli archivi GALE piu’  richiesti, fra cui la Eighteenth Century Collections Online (ECCO), offrendo una grande varieta’ di contenuti, tra cui fonti primarie e di reference, journals, quotidiani,  ebook e molto altro.

La gran parte delle risorse comprese nella lista ‘solidale’ è ricercabile da OneSearch.

Upgrade della banca dati RILM Abstracts

 

RILM Abstracts of Music Literature

RILM Abstracts of Music Literature (Répertoire International de Littérature Musicale),  bibliografia completa che copre tutti gli aspetti della ricerca musicale,  estende la copertura fino al 1800. La banca dati passa dalla precedente versione che comprendeva record dal 1967 ad oggi, a quella arricchita dal 1800 ad oggi. Gli utenti istituzionali dell’Ateneo fiorentino potranno ora accedere ad oltre 1 milione di records bibliografici che documentano gli studi musicali di tutti i Paesi e di tutte le lingue, mentre in precedenza i records erano circa 810.000.

Libero accesso alla biblioteca digitale dell’Unesco

biblioteca unesco free

 

L’Unesco ha deciso di dare libero accesso a tutti alla propria biblioteca digitale mondiale, per venire incontro agli studenti bloccati a casa dall’emergenza coronavirus.   Un patrimonio immenso, che raccoglie contenuti di 193 Paesi differenti datati dall’8mila a.C. a oggi, e comprende libri, mappe, fotografie e filmati, da ora accessibili gratuitamente dal sito della biblioteca.

Rinviata a data da destinarsi la presentazione del volume “Scontri di carta e di spada”

La presentazione del volume e della mostra virtuale sul duello Scontri di carta e di spada. Il duello nell’Italia unita tra storia e letteratura, prevista per giovedì 5 marzo alle ore 16:00 presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia (via della Pergola 60-Firenze), è rimandata a data da destinarsi.

Scontri di carta e di spada: presentazione del volume e della mostra virtuale

Il tragico duello di Savigliano, La tribuna Illustrata, 27 settembre 1896 (collezione privata)Giovedì 5 marzo 2020, ore 16:00, presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia via della Pergola, 60 – Firenze (Sala Orbatello), si terrà la presentazione del volume

Scontri di carta e di spada: il duello nell’Italia unita tra storia e letteratura
di Irene Gambacorti e Gabriele Paolini
Pisa, Pacini Editore 2019

e della mostra virtuale

 

Saluti istituzionali:
Marco Bindi, Prorettore alla Ricerca scientifica
Pierluigi Minari, Direttore del Dipartimento di Lettere e Filosofia
Luca Mannori, Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali
Floriana Tagliabue, Direttrice della Biblioteca Umanistica

Presentano il volume
Gino Tellini (professore emerito di Letteratura italiana)
Fulvio Conti (ordinario di Storia contemporanea)

Gli autori presentano il progetto e la mostra virtuale
Coordina Anna Nozzoli
seguirà brindisi

 

invito

locandina

presentazione

 

Paleografia latina: un convegno internazionale al SAGAS

Da mercoledì 19 a venerdì 21 febbraio 2020, presso l’Aula Magna del Dipartimento SAGAS (via San Gallo 10, Firenze) si terrà il XXI Convegno del Comité International de Paléographie latine

L’emersione delle scritture. La prospettiva paleografica

paleo

Il Convegno vuole esplorare le forme materiali e le scritture che caratterizzano le fasi più antiche e sperimentali del percorso che ha portato le varie lingue d’Europa a conquistare una dimensione scritta.
Gli interventi indagheranno fino a che punto abbiano funzionato come riferimento i tradizionali modelli latini, frutto di codificazioni vecchie di secoli, o se si siano invece percorse altre strade in relazione a nuove esigenze comunicative o al gusto e alle richieste di un pubblico nuovo di committenti.

Locandina

Programma