Lezione online sull’Oxford Art & Music database

Girl with OrangeMercoledì 5 novembre alle 11:00 si terrà una sessione formativa online sull’Oxford Art & Music Online, due delle più prestigiose enciclopedie dedicate all’arte e alla musica, disponibili in formato digitale per gli utenti del Sistema Bibliotecario d’Ateneo grazie a un abbonamento sottoscritto da alcuni anni dalla Biblioteca Umanistica.

La sessione, gratuita e  aperta a tutti i nostri utenti, avrà la durata di 45 minuti circa e si concentrerà sulle diverse opzioni di ricerca, sulle caratteristiche e gli usi pratici della risorsa.
La lezione si terrà in lingua inglese e si svolgerà online attraverso il  software WebEx conferencing. Gli interessati a partecipare dovranno disporre di un computer collegato alla rete e dotato di un dispositivo audio.

Per  partecipare è inoltre necessario registrarsi. Si riceverà così un invito  contenente dettagli su come accedere alla sessione.

Il limite di partecipanti è previsto in 30, ma se  le richieste supereranno questo numero saranno previste ulteriori  date.
È possibile visualizzare il calendario delle sessioni di formazione online su: https://ouptraining.webex.com/mw0307l/mywebex/default.do?siteurl=ouptraining
Altre risorse per la formazione, comprese le registrazioni delle sessioni precedenti,  sono disponibili presso: http://www.oup.com/uk/academic/online/librarians

Annunci

L’ermetismo e Firenze: un convegno

ermetismo_e_firenze_2014Dal 27 al 31 ottobre si svolgerà il Convegno internazionale di studi

L’ermetismo e Firenze

Responsabile scientifica e organizzatrice del Convegno è la prof. Anna Dolfi, docente di Letteratura italiana contemporanea all’Università di Firenze. Con il patrocinio di: Regione Toscana, Comune di Firenze, Università degli Studi di Firenze, Dipartimento di Lingue, Letterature e  Studi interculturali.

Questo il programma:

Lunedì  27 ottobre 2014, Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio

Ore 9

Saluti istituzionali del Comune e del Rettorato
Rita Svandrlik 
(Direttore del Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi interculturali)
Gloria Manghetti (Direttore del Gabinetto Vieusseux)
Anna Dolfi (organizzatrice del convegno)

Ore 9,30

UN’AVVENTURA GENERAZIONALE

Massimo Fanfani  (Università di Firenze), Per una storia del termine “ermetismo”
Stefano Passigli (Università di Firenze), Gli anni dell’Ermetismo: una lettura politica
Carlo Alberto Augieri  (Università del Salento), Somiglianza non “metaforica” e grammatica dell’inclusione molteplice: sulla logica poetante dell’Ermetismo
Alberto Casadei  (Università di Pisa), L’ermetismo e le poetiche dell’oscurità
Roberto Deidier (Università Kore di Enna), I simboli di una generazione
Jean-Yves Masson (Université Paris-Sorbonne), Dal simbolismo francese all’ermetismo fiorentino: filiazione, affinità o parentela lontana?
Tommaso Tarani (Aix-Marseille Université), Ermetismo e surrealismo. Influssi e convergenze tematiche
Giorgio Villani (dottorato – Università di Firenze), Ordine e immagine  fra la figuratività ermetica e surrealista
Francesca Nencioni (dottorato – Università di Firenze), Il mito della donna ctonia (Proserpina/Euridice) nella triade fiorentina

Ore 15

LA CRITICA MILITANTE E LA TRADUZIONE

Alberto Cadioli (Università degli Studi di Milano), Recensire i contemporanei negli anni dell’ermetismo
Marino Biondi (Università di Firenze), Carlo Bo: stile e carisma del leggere
Giuseppe Panella  (Scuola Normale Superiore di Pisa), Bo su Luzi e Landolfi (con una breve postilla su Céline)
Andrea Schellino (dottorato – Università di Firenze), Il giovane Bo tra Sainte-Beuve e Rivière
Mario Domenichelli (Università di Firenze), Traduzioni di poesia ai tempi dell’ermetismo
Paolo Zublena (Università di Milano Bicocca), Spagna ermetica? La lingua di Bo e Macrí traduttori della poesia spagnola novecentesca
Nives Trentini  (dottore di ricerca – Università di Barcellona), L’ermetismo di Macrí, teorico delle generazioni e ispanista
Beatrice Tottossy (Università di Firenze), La ricezione della lezione ermetica in Ungheria

Martedì  28 ottobre 2014, Aula Magna del Rettorato – Piazza San Marco

Ore 9

MAESTRI E MODELLI

Manuele Marinoni (dottorato – Università di Firenze), La “funzione” d’Annunzio nella grammatica degli ermetici
Tommaso Meozzi (dottorato – Università di Firenze), Campana e il “senso dei colori”: storia di una ricezione
Davide Luglio  (Université Paris-Sorbonne), “Res sunt nomina”: Quasimodo attraverso il laboratorio critico di Macrí

LA DIMORA VITALE, L’EREDITÀ, GLI AMICI

Giuseppe Savoca (Università di Catania), Sul Macrí salentino
Sara Moran  (Firenze), Margherita Dalmati, amica di una generazione
Francesca Bernardini (Sapienza Università di Roma), Carteggi ermetici con Enrico Falqui
Marta Scintu – Dario Collini – Emanuela Carlucci (Firenze), Il Fondo Macrí. Storia di un archivio epistolare

Ore 14,30

MARIO LUZI: LA POESIA

Franco Musarra (Università di Lovanio), Luzi e la parola
Silvio Ramat (Università di Padova), Due “mottetti”
Alfredo Luzi (Università di Macerata), Luzi e “la città dagli ardenti desideri”
Pietro Cataldi  (Università di Siena Stranieri), “Nell’imminenza dei quarant’anni”: un commento
Mario Baudino (“La Stampa” – Torino), Luzi, la voce e il fondamento
Margherita Pieracci Harwell (Università di Chicago), Senza fine divengo quel che sono
Giuseppe Nava (Università di Siena), Il tempo nella poesia di Luzi
Romano Luperini (Università di Siena), L’ermetismo e la crisi del genere lirico fra anni Cinquanta e Sessanta: il caso di Luzi

Dalle 15 alle 18, Sala antistante all’Aula Magna

Proiezione no stop del documentario di Marco Marchi In Toscana. Un viaggio in versi con Mario Luzi, regia di Antonio Bartoli e Silvia Folchi. Voce recitante  di Francesco Manetti, musiche di Francesco Oliveto (realizzato con il contributo della Regione Toscana)

Nel cortile interno del Rettorato sarà allestita la mostra di Fiorella Ilario, Reportage. Dieci ritratti fotografici di Mario Luzi che rimarrà aperta fino al 31 ottobre dalle 9 alle 17.

Mercoledì 29 ottobre 2014, Sala Ferri del Gabinetto Vieusseux

Ore 9

LUZI LETTORE, SAGGISTA, TRADUTTORE

Giuseppe Langella (Università Cattolica di Milano), La lettura di Teilhard de Chardin
Antonio Saccone (Università di Napoli), Le riflessioni sulla modernità di Luzi saggista
Marcello Ciccuto  (Università di Pisa), Gli scritti per gli artisti (e una lettera sull’umiltà del vivere)
Michela Landi (Università di Firenze), “Francamente”. Luzi traduttore dal francese
Laura Toppan (Université de Lorraine, Nancy), Sguardi incrociati: Luzi e Bonnefoy
Marco Menicacci  (Università di Bonn), Un tragico cristiano
Mattia Di Taranto (Università di Bonn), L’incontro con la poesia tedesca.Un colloquio
Alberto Ricci (dottore di ricerca – Università di Firenze), Il frutto nato da amore. Un confronto con Hölderlin

Ore 15

Stefano Verdino (Università di Genova), Appunti di bibliografia luziana: nuovi ritrovamenti
Luigi Ferri (Firenze), La parola è epifania del Silenzio. La poesia mistagogica
Giancarlo Quiriconi (Università di Chieti), La mise en scène della parola agonica
Giulia Tellini (dottore di ricerca – Università di Firenze), Il teatro di Mario Luzi. Gli anni Novanta (dal “Purgatorio” alla “Passione”)
Fabrizio Dall’Aglio (Casa editrice Passigli), Luzi e Macrí: una testimonianza

Proiezione del Video-teatro Ritratto di Mario con fiume, regia di Federico Tiezzi, drammaturgia a cura di Giulia Tellini

Ore 18

Presentazione del volume Mario Luzi, Il filo della vita. The Thread of Life. Snáithe Na Beatha, tredici poesie tradotte da tredici poeti irlandesi / Thirteen Poems Translated by Thirteen Irish Poets, a cura di Alessandro Gentili,  Roma, Fondazione Mario Luzi, 2014, con interventi di Alessandro Gentili (James Madison University), Antonella Francini (Syracuse University), Marco MarchiFabrizio Dall’AglioThomas McCarthy.  Letture a cura di Sandro Lombardi e Thomas McCarthy.

Giovedì 30 ottobre 2014, Sala Ferri del Gabinetto Vieusseux

Ore 9

PIERO BIGONGIARI

Paolo Leoncini (Università di Venezia), Bigongiari critico
Paolo Orvieto (Università di Firenze), Tra commenti e autocommenti
Gilberto Isella (Lugano), “Quella patria che si confonde all’orizzonte”: luoghi e figure dell’erranza nell’ultimo Bigongiari
Teresa Spignoli (Università di Firenze), “Ut poesis pictura”:parola e l’immagine
Federico Fastelli (Università di Firenze), Bigongiari teorico: la poesia come funzione simbolica del linguaggio
Elena Guerrieri (dottorato – Università di Firenze), La “gioventù poetica d’opposizione” sulle pagine di “Campo di Marte” e di “Corrente”
Theodor Ell (Università di Sidney – Australia), Bigongiari e i viaggi fuori di casa
Diego Salvadori (dottorato – Università di Firenze), Erbario e bestiario in “Antimateria”

Ore 14,30

ALESSANDRO PARRONCHI

Marco Marchi (Università di Firenze), Quasi un ritratto
Francesco Vasarri (Firenze), Temi e metri in “Pietà dell’atmosfera”
Simona Mariucci (Firenze), Influenze michelangiolesche in “Replay”
Leonardo Manigrasso (dottore di ricerca – Università di Padova), Parronchi critico d’arte: la collaborazione al “Michelangelo”
Barbara Di Noi (dottore di ricerca – Università di Pisa), La poetica delle immagini in Rilke e Parronchi
Marzio Pieri (Reggio Emilia), Quale Orfeo? (di Parronchi le Orse, le Muse)
Franzisca Marcetti (Firenze), “La città come avrebbe dovuto essere”

Presentazione del volume Alessandro Parronchi. Bibliografia delle opere e della critica 1937-2014 (a cura di Eleonora Bassi e Leonardo Manigrasso, Pontedera, Bibliografia e Informazione, 2014), con interventi di Mauro CaproniLaura DesideriMassimo FanfaniLuca Lenzini, e la partecipazione di Eleonora BassiLeonardo Manigrasso,Walter Scancarello.

Venerdì 31 ottobre 2014, Sala Ferri del Gabinetto Vieusseux

Ore 9

VITTORIO BODINI

Antonio Lucio Giannone (Università del Salento), La terza via di Vittorio Bodini
Mario Sechi (Università di Bari), Barocco e Novecento in Bodini critico traduttore e poeta
Riccardo Donati (dottore di ricerca – Università di Firenze), “Spettri sublimi dell’estate”: l’esperienza dei versi versiliesi
Oleksandra Rekut  (dottorato – Università di Firenze), Frammenti e lacerti di un ‘aplazado”
Andrea Gialloreto  (Università di Chieti), “Albe a sonagli scabbie ore malate”: Bodini e la civiltà industriale
Francesca Bartolini (dottore di ricerca – Università di Firenze), Tra “Vedetta mediterranea” e “Libera voce”
Antonio Prete (Università di Siena), La pietra, la luna, l’addio. Dialogo fuoritempo con Bodini (alla presenza di Macrí)

Presentazione del Centro Studi Vittorio Bodini e delle manifestazioni per il Centenario con la partecipazione di Valentina BodiniAntonio Lucio GiannoneAnna Dolfi.

Ore 14,30

VITTORIO SERENI

Clelia Martignoni (Università di Pavia), Vittorio Sereni: i dintorni dell’ermetismo e oltre
Luigi Tassoni  (Università di Pécs), L’ermetismo sperimentale di “Frontiera” e alcune riflessioni di Sereni
Niccolò Scaffai  (Università di Losanna), L’orizzonte precostituito: Sereni di fronte all’ermetismo
Francesca D’Alessandro (Università Cattolica di Milano), Sereni e gli amici ermetici
Elena Salibra (Università di Pisa), Gli esordi e l’ermetismo fiorentino
Marina Paino (Università di Catania), Parole di Sereni
Lorenzo Peri (dottorato – Università di Pisa), “Siamo tutti sospesi a un tacito evento”: il primo Sereni
Matteo Mario Vecchio (dottore di ricerca – Università di Firenze), Il carteggio con Giancarlo Vigorelli (con una nota su Carlo Bo e Gianni Manzi)

Presentazione del volume Vittorio Sereni-Giuseppe Ungaretti, Un filo d’acqua per dissetarsi. Lettere 1949-1969, a cura di Gabriella Palli Baroni, Milano, Archinto, 2013, con interventi di Laura BarileAnna DolfiGloria ManghettiLorenzo Peri e la partecipazione di Gabriella Palli Baroni.

ARLIMA: una bibliografia elettronica sulla letteratura medievale

bande_hautGli Archives de littérature du Moyen Âge (ARLIMA) costituiscono una risorsa che si propone di fornire la più completa copertura  bibliografica su  autori e testi del Medioevo, con una preferenza per autori francesi e latini, senza tuttavia escludere altre lingue dell’Europa occidentale. Oltre a un database interrogabile, fornisce due repertori: uno sulle banche dati, l’altro sui periodici ad accesso aperto dedicati alla medievistica. E’ inoltre corredato da 3 indici alfabetici navigabili: autori e opere; committenti e dedicatari; temi e generi.

Romanizzazione dell'”Italía” ionica

meeting_italia_ionica1Nei giorni 16 e 17 ottobre 2014 si svolgerà presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Firenze (Piazza San Marco 4) il Meeting

La romanizzazione dell’Italía ionica

L’evento è organizzato dal Dipartimento di Lettere e Filosofia e dal Museo di Storia Naturale. Il Comitato scientifico ed organizzativo è composto da Simonetta Bonomi (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria), Antonio De Siena  (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata), Luigi La Rocca (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia), Lucia Lepore (Università  di Firenze), Giovanni Pratesi (Museo di Storia Naturale-Università di Firenze).

In contemporanea, il 16 ottobre sarà  inaugurata la mostra Miti oggi Ruderi domani della scultrice italo-americana Marisa Tesauro, allestita nei locali del Museo ‘La Specola’ (via Romana 17) e ospitata fino al 31 ottobre.

Vai al programma del meeting

Post-umano: le crisi dell’antropocentrismo. Una giornata di studio

antropocentrismoVenerdì 3 ottobre 2014, nella Sala Conferenze di via Bolognese 52, Firenze, si terrà una giornata di studi organizzata dal Dipartimento di Lettere e Filosofia, dal titolo
Post-umano: le crisi dell’antropocentrismo
Questo il programma degli interventi:
Saluto del Direttore del Dipartimento di Lettere e Filosofia
Prof.ssa Vittoria Perrone Compagni
Prima sessione, ore 9.00-13.00 – Presiede Bruno Accarino
Bruno Accarino (Università di Firenze), Una mappa di alcuni problemi
Luisella Battaglia (Università di Genova), La presunta insuperabilità dell’antropocentrismo
Pausa caffè
Rossella Bonito Oliva (Università degli Studi di Napoli L’Orientale), Dall’antropologia negativa al post-umano: lo sfondo e le coordinate della riflessione sulla condizione umana
Seconda sessione ore 14.30-18.00 – Presiede Fabio Bazzani
Marco Mazzeo (Università della Calabria), Il tentativo e la tentazione: pirati, demoni e altri animali
Matteo Andreozzi (Università di Milano), Note sull’antropocentrismo e sullo specismo dell’etica animalista
Matteo Galletti (Università di Firenze), L’antropocentrismo dopo la crisi dell’antropocentrismo
Sono previste relazioni di circa 40 minuti, seguite ciascuna da 20 minuti di dibattito.