La parola a Tullio De Mauro

De Mauro.jpgLa Biblioteca Umanistica daderisce alla giornata di commemorazione di Tullio De Mauro, indetta per il 31 marzo dal MIUR in collaborazione con Radio3 RAI:

La parola a Tullio De Mauro
Letture dai suoi libri

A cura di Mauro Guerrini e della Biblioteca Umanistica
Intervengono: Marino Biondi, Anna Dolfi, Mauro Guerrini, Maria Pia Marchese, Alberto Nocentini

Biblioteca Umanistica, 31 marzo ore 11.00
Atrio della Sala di Italianistica e Storia dello Spettacolo
1° piano, piazza Brunelleschi, 4 Firenze

Il 31 marzo 2017 Tullio De Mauro, professore emerito di Linguistica generale all’Università di Roma La Sapienza ed ex Ministro dell’Istruzione recentemente scomparso, avrebbe compiuto 85 anni.

Per iniziativa del MIUR e in collaborazione con Radio3 RAI, in quel giorno la sua figura sarà ricordata nelle scuole, nelle librerie e nelle biblioteche per rendere omaggio al suo prezioso lascito intellettuale.

La proposta è stata raccolta dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, dall’Associazione Forum del libro e dalla casa editrice Laterza che intendono ricordarlo promuovendo la conoscenza delle opere che De Mauro ha dedicato alle condizioni linguistiche e allo stato della cultura nel nostro Paese, ai temi della lettura e della scuola, e a tante altre questioni centrali per la comprensione della storia e della società italiane.

Anche la Biblioteca Umanistica aderisce all’iniziativa, attraverso testimonianze e letture di brani tratti dalle più significative opere di De Mauro, offerte da docenti che sono stati allievi del grande linguista o affezionati studiosi della sua opera.

 

 

Giornata di Studi Etiopici dedicata a Paolo Marrassini

studi etiopiciIl 24 marzo 2017,  alle ore 15:00, nella Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica (Piazza Brunelleschi, 4, Firenze), si terrà la seconda giornata di Studi etiopici dedicati a Paolo Marrassini,  già preside della Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze dal 1998 al 2004, scomparso nel gennaio del 2013.

Vai al programma

 

 

I musei, l’università e la città: quale futuro per l’area di San Marco?

pianta_del_buonsignoriMercoledì 15 febbraio 2017, ore 15-19, nell’aula magna di palazzo Fenzi Marucelli (via San Gallo 10, Firenze), si terrà il forum organizzato dall’Università di Firenze, Dipartimento SAGAS

I musei, l’università e la città: quale futuro per l’area di San Marco?

Ideato dai docenti del corso di laurea magistrale in Storia dell’arte, il forum intende dibattere pubblicamente i problemi e le prospettive nella gestione dei musei e del patrimonio artistico fiorentino, con particolare riguardo all’area urbana di San Marco (antica Cafaggio). Questo forum vorrebbe rivolgersi in prima istanza agli studenti, che hanno scelto di formarsi nello studio storico del patrimonio artistico, ma che proiettano il loro futuro lavorativo nel campo, ricco di potenzialità, della valorizzazione di tale patrimonio e della qualificazione dei servizi ad esso connessi, a principiare dai luoghi stessi dove avviene la loro formazione. Le sedi di molti plessi universitari del centro storico sono monumenti di prima rilevanza – il palazzo Fenzi Marucelli in via San Gallo, la palazzina dei Servi in via Capponi, l’ex monastero di Santa Maria degli Angeli in piazza Brunelleschi, il palazzo di San Clemente – alcuni dei quali richiederebbero importanti interventi di restauro e meriterebbero di essere offerti come percorsi museali per circuiti di turismo culturale più raffinato, nel quadro di una complessiva riqualificazione dell’intera area urbana di San Marco, straordinariamente densa di eccellenze monumentali e museali, in cui la vocazione universitaria possa sempre più intrecciarsi fecondamente con una mirata valorizzazione turistico-culturale del patrimonio.

Programma degli interventi:

Prof. Stefano ZAMPONI (direttore del Dipartimento SAGAS), saluto inaugurale
Prof. Andrea DE MARCHI (professore di Storia dell’arte medioevale, SAGAS), relazione

Dibattito con la partecipazione del rettore prof. Luigi DEI e del sindaco di Firenze Dario
NARDELLA.

Ospiti invitati:
Cristina ACIDINI (presidente dell’Accademia delle arti e del disegno)
Mario BEVILACQUA (professore di Storia dell’architettura, DIDA)
Monica BIETTI (Museo cappelle medicee e casa Martelli)
Stefano CASCIU (soprintendente per il polo museale regionale)
Marco CIATTI (soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure)
Mario CURIA (editore, Mandragora)
Paola D’AGOSTINO (direttrice del Museo nazionale del Bargello)
Angela DI CIOMMO (direttrice del sistema museale di Ateneo)
Cecilie HOLLBERG (direttrice della Galleria dell’Accademia)
Alessandro NOVA (direttore del Kunsthistorisches Institut)
Elena PIANEA (Regione Toscana)
Giacomo PIRAZZOLI (professore di Progettazione architettonica, DIDA)
Giovanni PRATESI (direttore uscente del sistema museale di ateneo)
Giovanna RAO (direttrice della Biblioteca Medicea Laurenziana)
Eike SCHMIDT (direttore della Galleria degli Uffizi)
Carlo SISI (commissione tecnica arte, editoria, eventi culturali dell’ ECRF)
Marilena TAMASSIA (direttrice del Museo di San Marco)
Paolo ZAMPINI (direttore del Conservatorio Luigi Cherubini)

Prof. Fulvio CERVINI (professore di Storia dell’arte medioevale, SAGAS) modera e
conclude

Biblioteche, lettura e società: un dialogo con Giovanni Solimine

solimineMartedì 7 febbraio 2017, ore 11-13, presso l’Aula Magna del Dipartimento SAGAS, (via San Gallo 10 – Firenze)

Luca Bellingeri, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze
Massimo Belotti, Biblioteche oggi
Sandra Di Majo, Associazione Italiana Biblioteche
Mauro Guerrini, Università di Firenze
Giulia Maraviglia, Università di Firenze

Discutono con Giovanni Solimine del volume:

Percorsi e luoghi della conoscenza. Dialogando con Giovanni Solimine su biblioteche, lettura e società

a cura di Giovanni Di Domenico, Giovanni Paoloni e Alberto Petrucciani.
Milano: Editrice Bibliografica, 2016

Giorno della Memoria 2017: presentazione “Dalla Versilia alla Garfagnana Una “Shoah al positivo” sui monti della Toscana”

Fondazione il Fiore, Università degli Studi di Firenze, con il Patrocinio della Biblioteca Umanistica e della Comunità Ebraica di Firenze
Nell’ambito delle iniziative regionali per il Giorno della Memoria 2017

Lunedì 23 gennaio 2017, ore 16.00giorno-della-memoria_gen
Sala Comparetti, Biblioteca Umanistica
Firenze, Piazza Brunelleschi, 3/4

Presentazione del libro “Dalla Versilia alla Garfagnana Una “Shoah al positivo” sui monti della Toscana

La vicenda eroica di quattro nuovi “Giusti tra le Nazioni”: un sacerdote e un medico versiliesi e due contadini della Garfagnana.
“Un frammento di storia si affaccia qui dalla memoria dei sopravvissuti e viene verificato sul terreno e arricchito di immagini e testimonianze dalla paziente,
appassionata ricerca di Marco Piccolino. Con la ricostruzione delle reti di vicinato e di memoria, il racconto riporta davanti a noi un volto del paesaggio e
della storia italiana oggi cancellato: il bosco, la fatica di un popolo che viveva di magre risorse ma si mostrava capace nell’infuriare della guerra di spregiare
il peculio promesso a chi tradiva la presenza di ebrei e di mantenere vivi i valori della convivenza civile e della solidarietà umana”.
Dalla prefazione di Adriano Prosperi

Intervengono:

Floriana Tagliabue, Direttore della Biblioteca Umanistica
Laura Forti, Assessore alla Cultura della Comunità Ebraica di Firenze
Intervengono Paolo Buchignani e Marco Piccolino
Saranno presenti due protagoniste della storia
Franca Sraffa e Vittoria Pieroni
Coordina Maria Giuseppina Caramella

 

L’Università fuori: un ciclo di lezioni

universita-fuoriAvrà inizio oggi, 20 settembre alle ore 13:00,  il progetto Università fuori, un ciclo di lezioni di Storia, Filosofia, Sociologia e Letteratura destinato  principalmente al personale addetto alla produzione di realtà lavorative di media-grande entità operanti nella provincia di Firenze. L’intenzione è quella di esportare le conoscenze e le competenze del corpo docente dell’Università di Firenze, con particolare riferimento ai settori umanistici, nei luoghi di produzione industriale ai fini di un ampliamento del bacino di utenza da un lato e dello sviluppo della ricerca dall’altro.

I temi trattati saranno relativi:

  1. alla storia industriale, alla storia della scienza, alla storia sociale e alla storia di Firenze in connessione alla storia dell’arte. Il passato si collega così al presente, creando una nuova percezione dello spazio abitativo e una maggiore consapevolezza civile e culturale della comunità urbana;
  2. a concetti filosofici di tipo sia storico che teoretico e morale, con particolare attenzione alla dimensione biografico-esistenziale.  L’ambiente di lavoro diviene così anche luogo di riflessione  mediante l’utilizzo di categorie filosofiche di tipo qualitativo  che  hanno forti ricadute nella sfera personale, come quelle di  tempo vissuto, memoria,  scelta, emozione;
  3. alle evoluzioni delle società contemporanee, caratterizzate dalle contraddizioni della modernità, dalla globalizzazione e dalla moltiplicazione degli ambienti comunicativi e delle relazioni sociali, che producono la progressiva erosione dei legami tradizionali e l’affermazione dei processi d’individualizzazione, con significative ricadute nella vita quotidiana sia a livello familiare e affettivo che nel mondo lavorativo e nei rapporti con le istituzioni;
  4. a letture di testi letterari effettuate dal gruppo teatrale dell’Università.

Le lezioni si terranno a Scandicci (Firenze), presso la Fabbrica Molteni, via I. Barontini, 8 località Granatieri.

Vai al calendario