Lo “Zibaldone” come ipertesto

ziabldoneSono recentemente usciti, per i tipi di Olschki, gli Atti del convegno internazionale (Barcellona, Universitat de Barcelona 26-27 ottobre 2012)

Lo “Zibaldone” di Leopardi come ipertesto

Il volume, curato da María de las Nieves Muñiz Muñiz, professore ordinario di Filologia Italiana presso l’Universitat de Barcelona, “rispecchia il cambiamento di prospettiva che negli ultimi decenni si è operato nella lettura dello Zibaldone di Leopardi”, ispirandosi  “a un’idea reticolare e aperta del testo come rapporto dinamico tra la parte e il tutto e fra le sue singole parti”.

Vai all’Indice:

Annunci

Convegno “Life Beyond Dictionaries”

dizionariDal 12 al 14 settembre, presso l’Auditorium al Duomo, Via de Cerretani 54/r, Firenze si terrà il Convegno

“X INTERNATIONAL SCHOOL ON LEXICOGRAPHY: LIFE BEYOND DICTIONARIES”

Il Convegno, organizzato dall’ Ivanovo State University, la Fondazione Romualdo Del Bianko e da Life Beyond Tourism, è patrocinato dall’Università degli studi di Firenze.

Vai al Programma

Shakespeare and his contemporaries 2014: call for papers

The British Institute of Florence- Call for Papers 2014 Italiano (1)E’ stato pubblicato il bando per il

6° Convegno di Studi Shakespeariani

organizzato dal British Institute of Florence per il 10 aprile 2014.

L’annuale Convegno di Studi Shakespeariani del British Institute of Florence è un forum interdisciplinare e bilingue inglese/italiano rivolto ai dottorandi e ai dottori di ricerca che abbiano conseguito il titolo da un massimo di 5 anni.

Il Convegno quest’anno avrà come tema Shakespeare and His Contemporaries: Forms of Nationhood. Saranno accolti contributi sul tema dell’identità nazionale e delle rappresentazioni dell’Inghilterra elisabettiana nella produzione letteraria di William Shakespeare e dei suoi contemporanei (drammaturghi, poeti e altro) attraverso diverse discipline, tra cui (ma non esclusivamente): letteratura, studi di comparatistica, storia, storia dell’arte, cinema e storia del teatro.

Vai al bando

DigiPal: Digital Resource and Database for Palaeography, Manuscript Studies and Diplomatic

translationsDigiPal è una nuova risorsa  per lo studio dei manoscritti medievali, in particolare quelli prodotti in Inghilterra durante gli anni 1000-1100. Sviluppata dal Dipartimento di Digital Humanities del Kings College di Londra,  conta attualmente circa 300 immagini  di manoscritti, ma il numero dei documenti è destinato ad essere incrementato fino alla conclusione del programma, prevista per il 2014.

Finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (CER),  il progetto mira ad applicare le più avanzate tecnologie digitali allo studio della paleografia e della diplomatica medievale,  combinando cataloghi digitali, descrizioni calligrafiche e dei manoscritti,  immagini dei documenti.

 

Giornata di studi: Shakespeare and His Contemporaries.The Italian Connection

shakespeare2Il British Institute of Florence organizza nella giornata di giovedì 18 aprile

Shakespeare and His Contemporaries 

Graduate Conference sul tema The Italian Connection

Il Convegno, rivolto a dottorandi e neo-dottori (massimo da 5 anni) provenienti da tutte le università d’Italia, è patrocinato dall’Ateneo fiorentino e dal Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali.

Leggi il programma

 

Manuscripts Online: manoscritti inglesi fra il 1000 e il 1500

manuscripts

Da pochi giorni ha visto la luce Manuscripts Online, un motore di ricerca che permette di accedere a una collezione eterogenea di testi redatti in Gran Bretagna durante il periodo 1000-1500.

Le risorse comprendono manoscritti letterari, documenti storici e prime edizioni che si trovano sui siti di proprietà di biblioteche, archivi, università ed editori.

Ecco un elenco delle fonti.

British Institute of Florence: nuova pubblicazione online

ShakespeareIl British Institute of Florence annuncia la pubblicazione online del primo volume Proceedings of the “Shakespeare and His Contemporaries” Graduate Conference, che comprende atti scelti dei tre convegni promossi dall’Istituto nel triennio 2009-2011.

Il volume raccoglie elaborati in lingua inglese ed italiana che rispecchiano, per varietà di contenuti e metodologie di analisi, l’attuale vivace interesse in Italia per gli studi shakespeariani. I tredici contributi inseriti sono stati selezionati da un comitato di pari.

Leggi il volume