Da Bach ai Beastie Boys: un webinar per ricercare la letteratura musicale con RILM

download (1)Cercate articoli sull’arpicordo o sulla chitarra elettrica? Dovete trovare gli ultimi studi sui libretti d’opera per completare la vostra tesi? Volete aggiornare il vostro profilo di educatore musicale o iniziare una ricerca su Il Flauto Magico di Mozart?

Il prossimo 22 Marzo alle ore 12 si terrà  una formazione online gratuita per la banca dati RILM Abstracts of Music Literature, la più ampia bibliografia internazionale dedicata alla musica che la Biblioteca Umanistica mette a disposizione dei propri utenti fra le banche dati dedicate alle arti.

Questo webinar, della durata massima di un’ora, è aperto a studenti, ricercatori, professori e bibliotecari e comprenderà anche un momento per le domande.

Per partecipare: cliccate per registrarvi e riceverete un’immediata conferma dall’indirizzo messenger@webex.com con le istruzioni su come unirvi alla sessione. Nel caso non riceveste risposta, verificate nella cartella dello spam o scrivete a training@ebsco.com.

Sarà necessario utilizzare un pc dotato di connessione internet, altoparlanti e/o microfono. Si consiglia di collegarsi 15 minuti prima per effettuare una corretta connessione audio.   Tutte le sessioni si tengono all’orario di Roma (GMT +1:00).

 

Musica nell’Italia dell’800: un convegno all’Umanistica

locandina-7Nei giorni 1-2 marzo 2017, nella Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica (Piazza Brunelleschi 4),  si svolgerà  il Convegno internazionale di studi

Musica e identità culturali nell’Italia dell’Ottocento

Il convegno, organizzato da Mila De Santis, si inscrive nel programma didattico del Dottorato di ricerca in Storia delle arti e dello Spettacolo e si pone a chiusura del Programma di Ricerca di  rilevante Interesse Nazionale (Prin 2012) “ARTMUS – Articoli musicali nei quotidiani dell’Ottocento in Italia”: anche a partire dai dati raccolti durante questa ricerca, l’incontro si propone  un’indagine ad ampio spettro sui temi dell’identità culturale nel corso dell’Ottocento, declinati nei rapporti locale/nazionale  e nazionale/estero.

Vai al programma

 

Online l’Archivio Storico Ricordi

slideshow_home_1Dal 5 dicembre è accessibile in rete una parte rilevante dell’Archivio Storico Ricordi, quella dedicata all’iconografia e alla messa in scena operistiche.

L’Archivio, fondato nel 1808, è la memoria storica dell’editore musicale Ricordi, che raccoglie partiture, lettere di compositori, librettisti e cantanti, bozzetti e figurini, libretti, foto d’epoca e manifesti Art Nouveau.  La collezione iconografica è il primo passo verso la completa digitalizzazione dell’Archivio storico della Casa milanese, la più importante raccolta musicale privata del mondo: 7800 partiture originali, circa 10 mila libretti, le «disposizioni sceniche» di Verdi e degli altri per la messinscena delle loro opere, i ritratti di compositori, cantanti, librettisti e, indispensabile per gli studiosi, l’intera corrispondenza commerciale della società dal 1888 al 1962. Il progetto prevede la digitalizzazione dell’intera collezione che verrà resa liberamente accessibile online.

Convegno internazionale Music Encoding Initiative all’Umanistica

MEC2015-logo-finalDal 18 al 21 Maggio 2015 presso la Biblioteca Umanistica si terrà il convegno annuale della Music Encoding Initiative MEC 2015.

Da decenni si va ricercando un modello coerente per la rappresentazione digitale delle notazioni musicali. I risultati ottenuti di recente dalla Music Encoding Initiative (MEI) hanno sollevato grande interesse in molti settori della musicologia e dell’umanistica digitale.

Scopo del convegno è dar modo alla comunità scientifica di discutere le possibilità che la codifica delle notazioni musicali offre agli studi musicali tradizionali (dall’editoria all’analisi musicale, alla bibliografia e biblioteconomia musicali) e alla musicologia computazionale. Specialisti di diversi ambiti disciplinari discuteranno lo stato dell’arte della codifica digitale della musica  – i modelli e il loro utilizzo – per scambiare esperienze, presentare progetti in corso relativi a compositori e raccolte di musiche, proporre collaborazioni per progetti futuri.

Il programma si apre lunedì 18 maggio con una giornata dedicata a due tutorials e un workshop introduttivi su MEI e le sue applicazioni. Seguono due giornate di convegno ufficiale con relazioni e posters su molteplici tematiche teoriche e pratiche inerenti la ricerca e l’editoria musicale. Il convegno si chiude giovedì 21 maggio con un “Un-Conference Day” a disposizione di quanti siano interessati all’implementazione di MEI – da analisti e programmatori a bibliotecari, musicologi, curatori di edizioni, editori – per approfondire gli argomenti di proprio interesse.

Il convegno è organizzato dalla sezione italiana dell’International Association of Music Libraries, Archives and Documentation Centres ( IAML-Italia) in collaborazione con la prof. Mila De Santis (Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo – SAGAS) e la Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze, il Center for the History of Music Theory and Literature (CHMTL)  dell’Indiana University, il progetto Edirom, con  il patrocinio del Conservatorio di musica “L.Cherubini” e dell’Associazione Italiana Biblioteche.

MEI2015_programma

Firenze e la musica

bacheriniVenerdì 20 marzo 2015, alle ore 16.30presso la Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica, il prof. Franco Piperno (Università  di Roma – La Sapienza) presenterà il volume

Firenze e la musica. Fonti, protagonisti, committenza. Scritti in ricordo di Maria Adelaide Bartoli Bacherini,

a cura di Cecilia Bacherini, Giacomo Sciommeri e Agostino Ziino

Locandina

Lezione online sull’Oxford Art & Music database

Girl with OrangeMercoledì 5 novembre alle 11:00 si terrà una sessione formativa online sull’Oxford Art & Music Online, due delle più prestigiose enciclopedie dedicate all’arte e alla musica, disponibili in formato digitale per gli utenti del Sistema Bibliotecario d’Ateneo grazie a un abbonamento sottoscritto da alcuni anni dalla Biblioteca Umanistica.

La sessione, gratuita e  aperta a tutti i nostri utenti, avrà la durata di 45 minuti circa e si concentrerà sulle diverse opzioni di ricerca, sulle caratteristiche e gli usi pratici della risorsa.
La lezione si terrà in lingua inglese e si svolgerà online attraverso il  software WebEx conferencing. Gli interessati a partecipare dovranno disporre di un computer collegato alla rete e dotato di un dispositivo audio.

Per  partecipare è inoltre necessario registrarsi. Si riceverà così un invito  contenente dettagli su come accedere alla sessione.

Il limite di partecipanti è previsto in 30, ma se  le richieste supereranno questo numero saranno previste ulteriori  date.
È possibile visualizzare il calendario delle sessioni di formazione online su: https://ouptraining.webex.com/mw0307l/mywebex/default.do?siteurl=ouptraining
Altre risorse per la formazione, comprese le registrazioni delle sessioni precedenti,  sono disponibili presso: http://www.oup.com/uk/academic/online/librarians

Incontro su RILM in Sala Comparetti

ImmagineStamani  24 febbraio,  alle ore  11.00, nella  Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica in piazza Brunelleschi, si svolgerà  un incontro, promosso da Federica Riva, presidente IAML, per illustrare ai bibliotecari di ambito tosco-ligure-emiliano gli sviluppi di contenuto e tecnologici della maggior risorsa elettronica bibliografico-musicale, il Répertoire International  de Littérature Musicale (RILM)

Saranno presenti  Zdravko Blazekovich, responsabile scientifico della redazione centrale newyorkese di RILM, il gruppo italiano RILM, un rappresentante di uno dei due distributori italiani della pubblicazione, EBSCO.  L’incontro è anche finalizzato  a discutere la formazione di un gruppo di acquisto, per Università e Conservatori, che consenta di avere migliori condizioni economiche per le biblioteche acquirenti, tra cui oggi c’è anche la stessa Università di Firenze, con il fine  ultimo di contribuire all’innalzamento della qualità degli studi musicali e musicologici nell’ambito dell’istruzione superiore.